Modello integrato per la Conservazione

.........................................

modello integrato per la conservazione digitale

Responsabilità amministrativa: Partnership CUL/CIT
La Cornell University Library e il Cornell Information Technologies (CIT) stanno condividendo la responsabilità amministrativa della raccolta, la gestione, la conservazione e l’accesso al contenuto digitale fondamentale. Il CIT è l’unità centrale dell’information tecnology della Cornell University, che facilita il coordinamento di tutte le attività informatiche del campus.
La Cornell University fa parte del gruppo DSpace, un sistema di repositories istituzionali open-source sviluppato dalla Biblioteca del MIT. La realizzazione di DSpace alla Cornell University sarà gestita e seguita dalla biblioteca.

Solidità organizzativa: Scopi e obiettivi della CUL
Gli scopi e gli obiettivi della Biblioteca Cornell per il periodo 2002-2007 comprendono la fornitura di servizi a supporto del life-cycle digitale, incluso un sistema comune di deposito [depository]che possa assicurare la gestione sistematica, la conservazione su lungo periodo e l’accessibilità alle collezioni digitali. La CUL ha organizzato un gruppo di lavoro per realizzare un OAIS da qui a tre anni. La CUL ha inoltre sviluppato un framework di politiche sulla conservazione digitale. .

Limiti degli archivi digitali: Il sistema comune di deposito
Il Common Depository System (CDS) rappresenta il punto centrale delle iniziative sulla conservazione digitale alla Cornell University. Il CDS è un’iniziativa di collaborazione che raggruppa tecnici, policy maker, specialisti di metadati e professionisti della conservazione della biblioteca stessa ed esterni, oltre ai numerosi proprietari e depositari delle collezioni digitali della Cornell University. Il CDS è nato come deposito centrale per le immagini digitali, ma è poi diventato un sistema comune di deposito che risponde ai requisiti della conservazione del materiale digitale in ogni tipo di formato. Il cambiamento nel nome (da centrale a comune) riflette l’ambiente decentralizzato della Cornell University e il fatto che, mentre non è possibile realizzare un deposito fisicamente centralizzato; è tuttavia necessario definire pratiche e requisiti comuni per realizzare economie di scala e ammortizzare al massimo l’investimento nella conservazione digitale. Ogni istanza di archivio digitale di cui la biblioteca della Cornell University accetti la responsabilità a lungo termine deve essere conforme ai requisiti stabiliti dal CDS.

Sostenibilità economica: Ridistribuzione e nuove risorse
La biblioteca si è impegnata a dipendere il meno possibile da fondi saltuari per il suo impegno in ambito digitale, compresa la conservazione, e ha ridistribuito in questo settore parte del suo personale e delle sue risorse, continuando a cercare un nuovo e più duraturo finanziamento.

Immissione: Digitalizzazione, Euclid, ArXiv
Il materiale arriva sotto la responsabilità della Cornell University tramite diversi canali, tra cui l’impegno nella digitalizzazione da parte dell’istituzione, le pubblicazioni specialistiche digitali, ad esempio il progetto Euclid, e accordi formali per la gestione di repository, ad esempio arXiv.

Archiviazione/Gestione dati: DLIT
La CUL assicura la gestione fisica e intellettuale del contenuto digitale grazie ad un insieme di servizi gestiti dalla sua sezione Digital Library and Information Technology (DLIT) e ad accordi contrattuali col CIT.

Pianificazione della conservazione: Il responsabile della conservazione digitale
Nel 2002 è stato nominato il primo Digital Preservation Officer (DPO) della Cornell University, con la responsabilità di realizzare presso l’università stessa un programma di conservazione digitale uniforme. Il DPO coordina lo sviluppo e la creazione delle politiche per la conservazione e assicura il collegamento con i progetti e le iniziative di conservazione digitale.

Accesso: ENCompass, Luna, Insight
La Cornell University assicura l’accesso tramite vari sistemi, incluso ENCompass, un sistema di gestione delle biblioteche digitali della società Endeavor Information Systems, e Insight, un sistema di gestione di immagini della società Luna Imaging, Inc.

Verificabilità delle procedure: Da definire
Questa componente deve ancora essere realizzata. Tuttavia il responsabile della conservazione digitale è membro del gruppo di lavoro di RLG/NARA sulla certificazione dei digital repositories (Digital Repository Certification). Il primo compito del gruppo di lavoro della Cornell University Library sull’OAIS è di decostruire il modello di riferimento OAIS in requisiti raggiungibili e fare un’analisi intensiva delle lacune degli sviluppi attuali e delle collezioni digitali.